Genitori, verdure e figli!

L'aumento di peso dei bambini è un fatto ormai accertato, in grado di diventare rilevante anche in tenera età.  Allora, l'obesità infantile può così essere presente già a nove mesi.


E' il risultato di una ricerca della Wayne State University (Detroit, USA), diretta dal professor Brian Moss e pubblicata sul "Journal of Health Promotion". Vediamo di capirne di più ...


 


Il team del professor Moss ha lavorato sul Early Childhood Longitudinal Study-Birth Cohort, prendendo in esame i dati di 16.400 nati nell'anno 2001. Di questi, 8.900 avevano circa nove mesi, mentre 7.500 bambini avevano circa due anni.


Innanzitutto, è emerso come l'obesità fosse elemento da non trascurare. Dei bambini di nove mesi, il 32% era già vittima della malattia. Riguardo poi i colleghi di due anni, la percentuale saliva al 34%.


Analizzando il campione per genere, gli esperti hanno notato come i maschi fossero più vulnerabili delle femmine.


Se invece il criterio era l'appartenenza etnica, gli ispanici erano più vulnerabili dei caucasici, mentre gli asiatici e gli originari delle Isole del Pacifico manifestavano un rischio quasi nullo.


In ogni caso, il professor Moss mette in chiaro come l'obesità in tenerà età è palese sintomo di predisposizione all'aumento di peso più avanti negli anni.


Il collega Joyce Lee, che insegna endocrinologia pediatrica all'Università del Michigan, è sulla stessa posizione: una (cattiva) alimentazione  da piccoli determina il peso del futuro.


Per questo, conclude Moss, "Con il bambino più piccolo, è fondamentale per i genitori  controllare l'apporto nutrizionale del loro piccolo perché questo determinerà il loro peso in futuro. Non esiste una "dieta standard" per i bambini e i giovani. I genitori dovrebbero comunicare con il loro pediatra sul modo sano per nutrire i loro figli".


Di conseguenza, i medici devono prendere le contromosse adeguate. L' alimentazione dei bambini  va controllata dai pediatri sin dalle prime visite: far cambiare abitudini alimentari sbagliate a genitori e piccoli pazienti quando ormai le seguono da anni è una sfida monumentale, quindi molto meglio agire in anticipo. Ma spesso le teste e le cattive abitudini sono dure da cambiare...spessissimo mi ritrovo a tu per tu con bambini accompagnati dai loro genitori perchè cicciottelli....e mi accorgo che i genitori tendono troppo esso a delegare...percè è più facile, comodo, veloce...ma è davvero più corretto?


Cari genitori, voi siete i primi nutrizionisti dei vostri figli, esattamente come siete i primi loro pediatri,  poichè vi fate portavoce quando loro ancora non sanno parlare dei loro malesseri e allora? Se  vostro  figlio è in sovrappeso o obeso mettetevi in discussione per favore! ....Non si ammettono ignoranze in tal senso informatevi, documentatevi la nutrizione dei vostri figli è una vostra grande responsabilità cercate di farvene carico non di sfuggirne.


Troppe volte sento dai genitori queste frasi: "Dottoressa ma il mio bambino non mangia le verdure con cosa le posso sostituire?"  Ma, Santo Berrino (e credetemi lo vorrei Santo subito), con cosa le volete sostituire? Non esiste niente che possa far le loro veci, e lo so pure io che  hanno un sapore diverso dalla carne, dalle frittelle, dalle patate o dalla pastasciuta ....appunto perchè sono verdure.... "Ma mio figlio non è abituato a questi sapori?"  E voi lo siete?????? Mangiate davvero dalle 3 alle 5 porzioni di verdure al giorno ?? Se  la risposa è si, se la risposta è veramente si allora vostro figlio è certamente abituato a questi sapori, odori e colori....."Allora sono costretto a cambiare menù purchè mangi" Ehhhhhhhhhhhh??????? Ma le regole in nutrizione chi le dettano i bambini o i genitori??? Non è togliendo le verudre o la frutta che impareranno  a mangiarle...semplicemente rimandate il problema di qualche anno quando sarà ancora più difficile far cambiare abitudini.


Non voglio continuare perchè i toni perderebbero la diplomazia che mi contraddistingue (????) e si accenderebbero di  passione ....concludo solo dicendo che  la prevenzione dell'obesità deve iniziare molto, molto presto e si compie nelle scelte di tutti i giorni anche e soprattutto in quelle che vi sembrano banali e scontate......

«... la medicina venne distinta in tre branche: una curava con le buone regole del vitto, l'altra coi medicamenti e la terza infine con la chirurgia... delle tre parti di cui è composta la medicina, quella che cura le malattie mediante il vitto, pur essendo la più difficile è anche la più splendida e perciò ci porremmo primamente a ragionar di questo...» Aulo Cornelio Celso - medico romano del I secolo d.C. "De re medica" libro I